Beverage

Etichette per gli alcolici. Le novità UE

etichette per gli alcolici ue etichette per gli alcolici ue

Etichette per gli alcolici: il Parlamento Europeo ha tolto il riferimento al cancro e imporrà soltanto – per le etichette – l’invito a un consumo moderato e consapevole.

 

Si è parlato molto in questo periodo del rischio che anche le etichette dei vini e delle birre – come in generale di tutti gli alcolici – finissero nel calderone del nuovo piano di azione anti-cancro della Ue, con l’imposizione delle avvertenze sanitarie in etichetta e del rischio cancerogeno legato al consumo di alcolici. Il Parlamento Europeo ha però accolto alla fine gli emendamenti contrari degli eurodeputati Paolo De Castro (Pd, S&D), Herbert Dorfmann (Svp, Ppe) e Iréne Tolleret (Renaissance, Renew), e ha approvato – con 392 voti contro 251 – la sostituzione della avvertenze sanitarie anti-cancro nelle etichette per gli alcolici con il semplice obbligo di fornire – in etichetta – informazioni per un consumo responsabile e consapevole dell’alcol, facendo tirare un sospiro di sollievo a tutti gli operatori del settore.

Il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini ha commentato in questi termini la decisione del Parlamento Ue:è stato respinto il tentativo sbagliato di demonizzare il consumo di vino e birra attraverso allarmi salutistici in etichetta, un tentativo che avrebbe ingiustamente penalizzato un settore che vale 12 miliardi di fatturato, dei quali 7,1 miliardi di export, e offre direttamente o indirettamente occupazione a 1,3 milioni di persone“. Mentre da Alleanza delle Cooperative Italiane è arrivato questo comunicato stampa:è stata riconosciuta più appropriata la linea dell’approccio moderato, e auspichiamo che ora si possa continuare a lavorare insieme per la lotta contro il cancro senza demonizzare il consumo consapevole di vino e delle altre bevande alcoliche. Il Rapporto della Commissione speciale del Parlamento europeo per la lotta contro il cancro (Beca), pur contenendo elementi importanti nella strategia contro la malattia e per l’accesso alle cure, aveva un approccio antiscientifico in relazione al consumo di alcol, non distinguendo tra uso moderato e abuso. Seguendolo si sarebbe penalizzato pesantemente un intero settore economico, che rappresenta invece un’eccellenza per qualità della produzione, storia, cultura e volano di sviluppo di turismo e occupazione“. E il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio, ha dichiarato:ha prevalso il buon senso perché c’è una profonda differenza fra abuso e consumo moderato e responsabile. Ci siamo opposti da subito al messaggio del no safe level, dell’assenza di un livello di sicurezza nel consumo di alcol. Il vino è cultura, socialità, racconta e rende unici i nostri territori, fa parte della nostra storia e della Dieta Mediterranea. Combattere il cancro è senz’altro una priorità di tutti, ma la salute non si tutela demonizzando un settore o un singolo prodotto legato alla cultura e allo stile di vita dell’Italia così come di altri Paesi europei. Parliamo di un comparto che non solo contribuisce a tenere vive le comunità rurali sostenute dalla stessa Ue, ma rappresenta anche la prima voce dell’export agroalimentare europeo“.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.