News

Settore florovivaistico. Gli aiuti contro il caro energia

settore florovivaistico caro energia settore florovivaistico caro energia

Settore florovivaistico: il nuovo Decreto firmato dal Ministro Stefano Patuanelli mette in campo 25 milioni di euro per sostenere le imprese, messe a dura prova dall’aumento dei costi energetici.

 

Nell’ambito del florovivaismo, settore particolarmente energivoro perché la coltivazione di fiori e piante nelle serre necessita di un ampio utilizzo di illuminazione, riscaldamento e raffrescamento, le aziende stanno subendo pesantemente lo shock energetico – aggravato dalle conseguenza della guerra della Russia in Ucraina – e gli aumenti delle bollette, con forti ripercussioni per le oltre 8mila imprese di settore.

Per questo il Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali) è intervenuto ora, a settembre 2022, con un nuovo Decreto (“Intervento a sostegno della riduzione dei maggiori costi energetici sostenuti dalle imprese florovivaistiche”, a valere sul “Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura”), un Decreto che stanzia nel complesso 25 milioni di euro a sostegno delle aziende del settore, molte quali si trovano in crisi di liquidità e senza aiuti rischierebbero di dover chiudere o di dover operare tagli al personale. I finanziamenti vanno, con sovvenzione diretta, alle imprese del settore florovivaistico che nel periodo marzo – agosto 2022 abbiano dovuto sostenere costi superiori di almeno il 30% rispetto a quelli sostenuti nello stesso periodo del 2021, per gestire le attività produttive e per acquistare energia elettrica, gas metano, G.P.L., gasolio e biomasse.

Per maggiori informazioni scrivere a urp@politicheagricole.it, oppure telefonare al numero (+39) 06.46651.

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.