News

Banca delle Terre Agricole 2022. Il bando

banca delle terre agricole 2022 bando banca delle terre agricole 2022 bando

Banca delle Terre Agricole 2022: è stato pubblicato dal Mipaaf e da ISMEA il nuovo bando, con molte interessanti opportunità e con tutti i terreni agricoli pubblici che vengono ora privatizzati e messi in vendita. 

 

La Banca delle Terre Agricole (BTA – Banca Nazionale delle Terre Agricole), istituita nel 2016 (art. 16 della legge 28 luglio 2016, n. 154) è in pratica l’inventario nazionale dei terreni agricoli (ad attuale o potenziale uso agricolo) che sono di proprietà pubblica e che ogni anno, tramite procedura gestita da ISMEA e dal Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali), vengono parzialmente messi in vendita creando importanti opportunità per chi vuole aprire un’azienda agricola e per gli imprenditori che vogliono fare nuovi investimenti nel settore. Al link https://www.ismea.it/banca-delle-terre è possibile visualizzare la mappa completa con tutti i terreni in vendita, in tutte le regioni italiane, e c’è la possibilità di esprimere una manifestazione d’interesse per uno o più terreni e di presentare un’offerta, entro e non oltre le ore 24 del 5 giugno 2022. 

Si tratta di terreni derivanti dalle operazioni fondiarie realizzate da ISMEA (che è l’ente pubblico dei servizi per il mercato agricolo e alimentare), oppure terreni attualmente appartenenti a Regioni, Province Autonome o altri soggetti pubblici. Nel bando 2021, un anno fa, erano stati messi in vendita terreni agricoli pubblici per un totale di 16mila ettari e per un valore stimato di 255 milioni di euro. Ora, con il nuovo bando “Banca delle Terre Agricole 2022”, i numeri salgono, con un totale di 19.800 ettari di terreni messi in vendita, per un valore stimato di 312 milioni di euro.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.