Beverage

Birre analcoliche. I dati 2021 sui consumi nel mondo

birre analcoliche dati 2021 birre analcoliche dati 2021

Birre analcoliche: i dati più recenti parlano di un mercato mondiale – in continua crescita – che vale oggi oltre 9,5 miliardi di dollari.

 

Per ragioni salutistiche e – tra i musulmani – per motivazioni religiose il consumo di birra analcolica sta crescendo, e secondo le elaborazioni Beverfood su dati Global Market Insights quello delle birre analcoliche è un comparto sempre più interessante, con un fatturato mondiale che supera i 9,5 miliardi di dollari (di cui 4 miliardi in Europa), e con una previsione annua di crescita del 7,5% per i prossimi cinque anni (fino al 2026).

Per la legislazione italiana si definiscono “birre analcoliche” quelle birre che sono prive di alcool o che hanno un contenuto di alcool ridottissimo (fino a una gradazione massima di 1,2%) e che vengono prodotte o dealcolizzando il prodotto finito, cioè rimuovendo l’alcool, oppure interrompendo anzitempo la fermentazione o usando ceppi di lievito speciali o limitando l’uso di zuccheri fermentabili (fermentazione limitata), oppure evitando del tutto la fermentazione, oppure diluendo la birra con acqua. Sono molte le birre analcoliche in commercio, e tra i marchi oggi più venduti segnaliamo: TourtelHeineken 0.0, Moretti 0, Clausthaler, Nastro Azzurro 0Forst 0,0%, Bavaria 0.0%, Becks Blue, e – tra le birre analcoliche artigianali – Birra alternativa 0.0 artigianale.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.