Beverage

Campari Group. I dati 2021 su vendite e utili

campari group dati 2021 campari group dati 2021

Campari Group: i dati pubblicati nel 2021, e relativi all’anno 2020, segnalano un impatto importante del Covid, con numeri che tuttavia hanno dimostrato una relativa tenuta anche nell’anno nero della pandemia.

 

La multinazionale italiana leader nel beverage, che è oggi un Gruppo internazionale con la proprietà di oltre 50 brand, con sede legale in Olanda e sede operativa centrale a Sesto San Giovanni, ha diffuso a febbraio 2021 i dati relativi all’andamento economico nel 2020, anno nel quale – tra l’altro – l’azienda ha continuato a mettere a segno importanti investimenti, come l’acquisizione del 49% dell’e-commerce Tannico.

Le vendite nette di Campari Group nel 2020 hanno raggiunto quota 1,772 miliardi di euro, con un calo del 3,8% rispetto al 2019, e con un utile netto rettificato pari a 202,1 milioni, con una flessione del 24,4% rispetto al 2019. E’ chiaro comunque, che considerato il contesto pandemico dell’anno 2020 e il crollo del canale Horeca, si tratta di risultati relativamente buoni, in un quadro nel quale permangono tuttavia le incertezze sull’evoluzione del Covid.

Il CEO di Campari Group Bob Kunze-Concewitz, a questo proposito, ha spiegato in un comunicato stampa:la nostra performance complessiva nel 2020 ha evidenziato una forte resilienza del business e solidi trend per le principali combinazioni prodotto-mercato nel canale off-premise, come dimostrato da dati di consumo in crescita a doppia cifra. Durante il 2020, pur continuando ad attuare la nostra strategia di lungo termine, anche tramite m&a, abbiamo aumentato i nostri investimenti per guidare, in particolare, nuove opportunità di consumo domestico. Abbiamo inoltre orientato la nostra organizzazione verso modalità di lavoro più agili e nuove priorità di business. Guardando al 2021, i nostri marchi sono molto in salute e fortemente rilevanti per i consumatori. Le nostre prospettive, tuttavia rimangono caute, principalmente a causa dell’incertezza legata alle restrizioni in corso e ai piani di somministrazione delle vaccinazioni, con conseguente impatto sui tempi di ripresa dei canali on-premise, in tutte le aree geografiche, e Global Travel Retail. Nel frattempo, continueremo a sfruttare gli investimenti digitali e on-line, insieme a un approccio dinamico multicanale, per adattarci rapidamente alla ‘nuova normalità’ di mercato, in particolare per quanto riguarda il canale e-commerce. Prevediamo che i consumi domestici rimarranno sostenuti, in particolare nei principali mercati a marcata esposizione off-premise, inclusi gli Stati Uniti, dove, con il completamento delle attività di destoccaggio, ci si attende un progressivo allineamento delle vendite ai trend di consumo“.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.