Beverage

La birra del Belgio diventa Patrimonio dell’Umanità Unesco

La birra del Belgio (la “cultura della birra in Belgio”) è dal 30 novembre 2016 riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

La decisione è stata presa dall’Unesco il 30 novembre: la “cultura della birra in Belgio” entra nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità, che riconosce e tutela le più importanti tradizioni e pratiche dei popoli che abbiano ancora oggi un significato e una valenza positivi. In Italia abbiamo oggi sei riconoscimenti nella lista Unesco del patrimonio culturale immateriale dell’umanità (più un settimo – “l’arte dei pizzaiuoli napoletani” – che è ufficialmente candidato a entrare nella lista): la Vite ad Alberello di Pantelleria (primo riconoscimento di questo tipo per una pratica agricola), le Macchine a spalla, la Dieta Mediterranea, l’Arte del violino a Cremona, il Canto a Tenore della Sardegna, l’Opera dei Pupi della Sicilia.

Il dossier sulla birra del Belgio era stato presentato dal governo belga all’Unesco a metà 2015. Ora – dopo un anno e mezzo – l’iter si è concluso positivamente e la cultura della birra in Belgio entra ufficialmente – a partire dal 30 novembre 2016 – nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. Certamente il Belgio non è l’unico Paese con una forte tradizione legata al mondo della birra (su tutti ricordiamo la Germania), ma il forte radicamento culturale e la grande qualità e varietà delle birre belghe (qui una panoramica) ha convinto l’Unesco ad attribuire un valore e un’importanza speciali alla cultura brassicola del Belgio, un Paese in cui vengono prodotti più di cinquanta tipi diversi di birre e in cui abitualmente sia le persone nelle proprie case sia cuochi e chef dei ristoranti propongono piatti a base di birra e abbinamenti con le diversi birre a seconda delle portate. In Belgio ci sono trenta musei dedicati alla birra, ci sono i formaggi aromatizzati alla birra, e a Bruges c’è addirittura un “birradotto (un sistema di tubature sotterranee per distribuire la birra senza dipendere dai camion). 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.