Food

Ristobond italiani. Il progetto “Buooono”

Ristobond italiani progetto Buooono Ristobond italiani progetto Buooono

Ristobond italiani: grazie al nuovo progetto “Buooono” della Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), i coupon per pranzi, cene o aperitivi acquistati adesso, alla riapertura dei locali varranno fino al 25% in più.

 

Mentre ancora si attende di capire – in piena emergenza Coronavirus – quando e con quali regole potrà iniziare la fase 2 per ristoranti e bar, la Fipe (la maggiore associazione italiana di settore, con oltre 120mila imprese associate) scende in campo riprendendo un’idea – quella dei dining bond o ristobond – nata negli Stati Uniti, già ripresa da alcuni in Italia, ma ora riproposta in chiave più ampia e con una regia nazionale.

Il meccanismo è semplicissimo: ogni ristorante italiano (o bar o pub o pizzeria, trattoria, ecc.) può registrarsi gratuitamente (e presentare in parole e immagini il proprio locale) sul sito cirivediamopresto.it, portale nel quale poi le persone potranno cercare e selezionare un ristorante e acquistare per quel locale un ” #Buooono “, in pratica un coupon (a cifre variabili, con diverse offerte, con tagli da 15, 25, 50 o 100 euro), un coupon che potrà essere speso – quando la legge consentirà la riapertura dei locali – nel ristorante selezionato, con un plusvalore (rispetto al momento dell’acquisto) che può andare dal 10% al 25%, a seconda della scelta di ogni singolo esercente. Ogni ” #Buooono ” potrà poi essere utilizzato entro 90 giorni da quando al ristorante verrà consentita la riapertura (o dal momento della sua emissione, se il locale è già aperto).

Il Presidente di Fipe – Confcommercio, Lino Enrico Stoppani, ha spiegato in questi termini il nuovo progetto dei ristobond italiani:rimettere in contatto i ristoratori con la propria clientela è il primo passo per ripartire. Stiamo vivendo un momento drammatico sotto ogni punto di vista. Chiudere la propria attività dall’oggi al domani, senza alcuna certezza sul futuro, è fonte di grande preoccupazione e angoscia. Attraverso questa iniziativa, che certamente non ha la presunzione di ribaltare la situazione, cerchiamo anzitutto di dare un segnale di speranza ricostruendo una relazione fiduciaria tra i ristoratori e i propri clienti, e se poi arrivano subito anche un po’ di risorse non potranno che fare bene alle imprese. Oggi l’obiettivo è ripartire presto, sapendo però che ci aspetteranno tempi ancora difficili, perché il virus sta modificando profondamente le nostre abitudini“.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.