Food

Olio di palma. Importazioni cresciute del 19% nell'ultimo anno

Nell’ultimo anno sono aumentate del 19% le importazioni in Italia di olio di palma, un prodotto che sempre più spesso sostituisce l’olio di oliva e il burro nei dolci e nei prodotti da forno industriali, ponendo però gravi problemi dal punto di vista sia nutrizionale sia ecologico.

 

Secondo i dati diffusi dalla Coldiretti le importazioni di olio di palma in Italia sono aumentate di dieci volte negli ultimi quindici anni, e sono cresciute del 19% nel 2014 rispetto al 2013. La maggior parte delle industrie alimentari – per contenere i costi – utilizza oggi l’olio di palma in sostituzione dei grassi più pregiati (olio di oliva e burro) nei dolci e nei prodotti da forno industriali, per esempio nei biscotti, nelle merendine, nelle torte e nelle pizze vendute nei supermercati.

L’olio di palma si estrae dalla polpa del frutto della palma da olio nei Paesi tropicali. I maggiori produttori di olio di palma sono Malesia, Papua Nuova Guinea, Camerun, Uganda, Costa d’Avorio, Cambogia, Filippine, Thailandia, Colombia, Ecuador, Perù, Brasile, Guatemala, Messico, Nicaragua e Costa Rica. In questi Paesi la produzione di olio di palma determina gravi danni in termini ecologici e di impatto ambientale, ed è uno dei fattori più significativi alla base del problema della deforestazione. Inoltre il consumo di olio di palma pone serie perplessità dal punto di vista della sicurezza alimentare: il consumo abituale di olio di palma  farebbe aumentare in modo significativo la concentrazione di grassi nel sangue, dal colesterolo ai trigliceridi e aumenterebbe i rischi legati alle patologie cardiovascolari.

A partire dal novembre del 2014 la rivista Il Fatto Alimentare ha promosso su Change.org una raccolta firme per chiedere alle industrie alimentari di eliminare l’olio di palma dai loro prodotti, e a partire dal 13 dicembre 2014 – con l’entrata in vigore delle nuove norme Ue sulle etichette alimentari – è diventato obbligatorio, in ogni prodotto alimentare confezionato, specificare la natura dell’olio eventualmente utilizzato. Bisogna quindi obbligatoriamente indicare la presenza di olio di palma e non si può più utilizzare la dicitura generica “olio vegetale”. È importante, dunque, leggere bene le etichette prima di acquistare.

(Luigi Torriani)

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.