News

Feste di Natale 2019. La spesa degli italiani per cibi e bevande

feste di natale 2019 cibi bevande feste di natale 2019 cibi bevande

Feste di Natale 2019: cibi e bevande costituiscono la prima voce di spesa degli italiani, e rispetto allo scorso anno si registra una crescita dell’11%.

 

Abbiamo già visto qui su Universofood i numeri (positivi) relativi alle vendite di spumante in occasione delle feste di Natale 2019. Ma le buone notizie non riguardano solo gli spumanti: il food & beverage italiano nel suo complesso, in occasione delle festività natalizie (e di fine anno), ha messo a segno un risultato importante in termini di vendite. Secondo i dati pubblicati dalla Coldiretti (analisi Coldiretti / Ixè “Il Natale nel piatto”) gli italiani hanno spesso in totale circa 5 miliardi di euro in cibi e bevande per le feste di Natale 2019, con una crescita dell’11% rispetto al Natale del 2018. La parte più importante del budget è riservata al pranzo di Natale, che l’85% degli italiani consuma in casa e che occupa in media – per cucinare – 3,8 ore. Poi ci sono, naturalmente, la cena della vigilia, la cena di Natale e i festeggiamenti per la fine dell’anno. Ma in crescita, secondo la Coldiretti, è anche la tendenza a scegliere cibi e bevande come regalo: il 30% degli italiani, per le feste di Natale 2019, ha scelto – tra i regali da fare ad amici e parenti – anche prodotti alimentari tipici, vini, spumanti, cesti enogastronomici.

La Coldiretti ha commentato in questi termini i dati positivi delle feste di Natale 2019 per l’agroalimentare italiano: “si registrano quest’anno una spinta verso regali utili che privilegia l’enogastronomia, l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola, la tendenza a regalare prodotti dell’enogastronomia, la preferenza accordata all’acquisto di prodotti Made in Italy per aiutare l’economia nazionale o garantire maggiori opportunità di lavoro a sostegno della ripresa. Dalle scelte di acquisto in occasione delle festività natalizie dipende il futuro di centinaia di migliaia di aziende italiane, con un impatto rilevante sul lavoro e sull’economia“.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.