Beverage

L’evoluzione del settore vino da qui al 2020. Il nuovo Rapporto Ismea

Quanto e come crescerà il mercato del vino nei prossimi tre anni? Il nuovo rapporto “Outlook Vino 2020” di Ismea ipotizza quali saranno gli sviluppi del settore.

Il Rapporto è stato presentato il 10 aprile 2017 nell’ambito della nuova edizione di Vinitaly. Lo studio di Ismea ipotizza un confronto tra il mercato del vino come è oggi (secondo gli ultimi dati disponibili, cioè i dati 2016) e come sarà nel 2020. Secondo le previsioni dell’Istituto nel 2020 la produzione mondiale di vino risulterà complessivamente in crescita del 2,4% rispetto ad oggi. L’Italia – che già oggi è il primo Paese produttore di vino al mondo, con 48,8 milioni di ettolitri – resterà nel 2020 al vertice dei Paesi produttori, consolidando il primato. Sul fronte dell’ export l’Italia dovrebbe crescere del 10% in valore (toccando quota 6,5 miliardi), continuando a contendersi il primato in volume di vino esportato con la Spagna (mentre la Francia resterà saldamente al primo posto, come è oggi, per l’export in valore).

Sul fronte dei più importanti mercati di sbocco, nella “sfida” tra vini italiani e vini francesi, secondo Ismea l’Italia dovrebbe primeggiare negli Stati Uniti, in Germania, in Svizzera e in Russia, mentre la Francia si collocherà meglio nel Regno Unito, in Canada e in Cina. Il mercato di sbocco più remunerativo sarà sempre di più quello statunitense (dove è leader l’Italia), ma secondo le previsioni di Ismea il ruolo della Cina è destinato a crescere di importanza sia come mercato di sbocco sia come Paese produttore. Nel 2020 (rispetto a oggi) i consumi di vino in Cina risulteranno in crescita del 21,6%, ponendo il gigante asiatico sopra i livelli della Germania per quantità di consumi vinicoli. E la Cina crescerà anche nella produzione di vino (+10%) e supererà l’Australia diventando il quinto Paese produttore di vino al mondo, dietro soltanto a Italia, Francia, Spagna e Stati Uniti.

Secondo il Viceministro Andrea Oliverole stime di Ismea sono incoraggianti. Ma vogliamo imprimere ulteriori accelerazioni. Stiamo lavorando per essere uniti come sistema Italia e ampliare sbocchi anche in mercati emergenti e importanti come quello cinese. Continuiamo in questa direzione nel sostenere le aziende per rafforzare la loro presenza anche nell’ecommerce“.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>