Beverage

Oscar del Vino 2015 di Bibenda. I vincitori

Si è tenuta a Roma il 6 giugno la cerimonia di premiazione degli Oscar del Vino 2015, lo storico concorso enologico organizzato da Bibenda, un grande classico arrivato quest anno alla sedicesima edizione.

L’evento del 6 giugno, con la proclamazione e la premiazione degli Oscar del Vino 2015, sarà trasmesso in televisione – su Rai Due – il primo luglio. La kermesse si è tenuta presso l’Hotel Hilton Rome Cavalieri, con la conduzione di Andrea Delogu, con i conduttori radiofonici di Decanter, Fede&Tinto, e con lo chef Cesare Marretti. A decretare i vincitori sono stati – come sempre – i voti dei lettori della rivista Bibenda, della guida  Bibenda “Vini d’Italia, grappe e ristoranti” e del sito www.bibenda.it.

 

GLI OSCAR DEL VINO 2015

 

Miglior vino bianco

Sicilia Contea di Sclafani Chardonnay 2012 – TASCA D’ALMERITA

 

Miglior vino rosso

Taurasi Vigna Macchia dei Goti 2010 – CANTINE ANTONIO CAGGIANO

 

Miglior vino rosato

Rosé Brut 2011 – TERRAZZE DELL’ETNA

 

Miglior vino spumante


Dubl + 2011 – FEUDI DI SAN GREGORIO

 

Miglior vino dolce

Vinsanto del Chianti Classico 2004 – FONTODI

 

Migliore etichetta con miglior vino

Bolle di Lambrusco To You – CECI

 

Miglior vino di grande qualità prezzo

Vino Nobile di Montepulciano 2011 – TENUTE DEL CERRO

 

Migliore azienda vinicola

CANTINA DI SANTADI

 

Migliore olio del raccolto 2014
Olio Extravergine di Oliva Unico – LE AMANTINE

 

Miglior Enologo

Donato Lanati

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: “Enologo sopraffino. Con la sua enologia intelligente è riuscito a portare l’essenza dei territori sulla tavola del consumatore. La sua missione è quella di accompagnare il vino dalla vigna fino all’imbottigliamento consegnando all’appassionato non soltanto un vino eccellente, ma un pezzo di storia, di tradizione, di territorio ben definito.”

 

Miglior Enoteca

Al Ponte di Luca Castelletti

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: “La scuola guida nel mondo del vino di Luca Castelletti è stata subito la Formula 1, d’altronde con un papà come Italo, fondatore a fine anni ’50 di una ricercata Enoteca a Ponte San Pietro nel bergamasco, non poteva essere altrimenti. Sommelier professionista dal 1989 e titolare di uno dei primi wine bar della Penisola, Luca è considerato un talent scout, un guru nella vendita, importazione ed esportazione di grandi vini e spiriti. Cosa aggiungere di un uomo che del vino di qualità ha fatto la sua ragione di vita?”

 

Miglior Ristorante

Le Lampare al Fortino

MOTIVO DEL PREMIO: “Alle Lampare al Fortino si pranza nella storia, all’interno di una chiesa romanica del 1200 parte dell’antico fortino che chiude la bocca del porto della splendida cittadina pugliese. Nello spazio interno una navata con soffitti altissimi, volte a botte e colonne di pietra bianca fanno da cornice a tavoli dalla mise en place molto curata. Nei mesi più caldi inoltre si può godere di una terrazza stupenda che guarda la maestosa cattedrale. La cucina è l’esaltazione della materia prima: pesce freschissimo e trionfi di crudi di mare assieme alle delizie del territorio, piatti prelibati accompagnati dai vini più ricercati al mondo. Un’esperienza culinaria da non perdere.”

 

Migliore Grappa

Grappa Fuoriclasse Leon Riserva 15 anni Castagner

MOTIVO DEL PREMIO: “C’è grande differenza tra ciò che si pensa che la Grappa sia, ossia un distillato importante della tradizione italiana e le sue interpretazioni più curate e innovative. Dietro la Grappa Fuoriclasse Leon Riserva 15 anni c’è un grande personaggio, Roberto Castagner, che dalla sua modernissima distilleria di Vazzola in provincia di Treviso ha riscritto le regole dell’arte dell’alambicco.”

 

Migliore Comunicazione Televisiva

“I Signori del Vino” Marcello Masi e Rocco Tolfa

MOTIVO DEL PREMIO: “Dopo grandi nomi prestati al piccolo schermo come Mario Soldati, scrittore e regista televisivo e il coltissimo Gino Veronelli, ideatore e protagonista assieme all’effervescente Ave Ninchi di “A Tavola alle 7”, gli appassionatissimi sommelier Marcello Masi e Rocco Tolfa, rispettivamente Direttore e Vice Direttore del Tg2, sono scesi tra i campi per incontrare gli uomini e le donne che hanno contribuito a far emergere il Vino nostrano. La trasmissione è stata un grande successo e il pubblico assetato di cultura chiede a gran voce una seconda serie.”

 

Miglior Promoter e Brand Manager

Cristiana Lauro

MOTIVO DEL PREMIO: “Un solo aggettivo per definire Cristiana Lauro non basta: appassionata, ribelle, acuta, ironica, trascinante. La sua storia, cominciata sulle scene teatrali del Belpaese, è approdata poi al mondo del vino, ambito che meglio la rappresenta. Chi ha il piacere di avvalersi della sua consulenza non ha dubbi: Cristiana sa far emergere le migliori qualità delle aziende che promuove.”

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

Albano Carrisi

MOTIVO DEL PREMIO: “Un grande artista italiano che ha portato e che ha promosso il vino in Italia e nel mondo.”

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

Biondi Santi

MOTIVO DEL PREMIO: “Siamo negli anni ’50, il Paese è appena uscito dalla tragedia di due Guerre Mondiali durate un trentennio. Mentre il vino nutre, scalda e aiuta ad andare avanti e la viticoltura toscana è malmessa, il Principe enologo Tancredi Biondi Santi lancia le basi di una nuova era del vino italiano. Con suo figlio Franco poi il Brunello di Montalcino fa il giro del mondo e con lui l’immagine di tutto il vino nostrano. Oggi è Jacopo a capo dell’azienda a tenere salda l’eredità enologica familiare, con uno stile classico senza tempo.”

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

giallozafferano.it

MOTIVO DEL PREMIO: “Diciotto milioni di contatti web in un mese sono la cartina al tornasole dell’incredibile successo del portale web di gastronomia giallozafferano.it. Con centinaia di ricette autentiche, semplici e veloci da realizzare, preparazioni deliziose e di tendenza, spiegate passo per passo attraverso fotografie dettagliatissime, ma anche video ricette, una scuola per imparare le tecniche fondamentali di cucina e i blog degli appassionatissimi lettori. Il premio va all’idea e alla professionalità con cui il team di giallozafferano.it sta diffondendo la cultura della tavola italiana, aiutando a stimolare la fantasia culinaria di milioni di persone.”

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.