News

Quale rapporto hanno gli italiani con snack e spuntini?

Sia nei grandi supermercati che nei negozi, una tipologia alimentare che non manca mai è quella dello “snack”. Golosi o leggeri, sono diventati una presenza costante sugli scaffali o vicino alle casse. Ma che rapporto hanno gli italiani con lo spuntino?

Ha tentato di scoprirlo un’indagine Gfk Eurisko dal titolo “Lo spuntino: abitudini ed atteggiamenti degli italiani”, promossa da Kellogg Italia. Cosa è emerso?

Bhè, a dispetto di quanto si possa pensare osservando la varietà di snack,presenti sul mercato, gli italiani, a causa di ritmi di vita sempre più frenetici, tendono a dedicarsi al cibo solo durante i pasti principali, pranzo e cena, tralasciando addirittura la colazione; l’abitudine alla merenda o allo spuntino di metà mattina è poco diffusa. Questo, nonostante i dietologi consiglino la formula alimentare del 3 +2 (3 pasti importanti e 2 spuntini durante la giornata), utile per un apporto calorico bilanciato e per non arrivare con eccessiva fame ai pasti principali.
Invece, come accennato, più di tre italiani su cinque (65%) al di sopra dei 14 anni non fa lo spuntino e più della metà di coloro che non lo fanno ne ha una percezione negativa, credendo che rovini l’appetito (9%) o che sia un’abitudine da bambini (6%). E ancora: un italiano su cinque, che non fa lo spuntino, evita di consumarlo per timore di ingrassare.

Spuntini diffusi solo fra i giovani?

Il 35% degli italiani si concede lo spuntino almeno una volta a settimana e che l’abitudine a consumarlo è molto più diffusa nella fascia di età 15-24 anni (67%), mentre lo è meno tra gli over 54 (20%). Per il 71% degli intervistati il fuori pasto è motivato dall’esigenza di placare il senso di fame fra i pasti principali, mentre per il 36% degli interpellati è associato ad un momento di pausa dal lavoro o dallo studio. E se il 29% degli intervistati fa lo spuntino per concedersi una tentazione, il 12% dei rispondenti lo fa per evitare di abbuffarsi ai pasti o per abitudine, mentre l’11% perché lo ritiene una scelta alimentare corretta o necessaria a recuperare le energie fisiche.
Chi si concede un momento dedicato allo spuntino lo fa prevalentemente nel pomeriggio (72%), mentre per il 47% lo consuma al mattino. Ma ad accomunare la stragrande maggioranza dei rispondenti che fa lo spuntino è la ricerca di un fuori pasto ricco di gusto (79%), seguita dall’esigenza di praticità (38%).

Quali conclusioni trarne? Le aziende del settore snack dovrebbero puntare a una campagna di informazione alimentare per sfatare i falsi miti sullo spuntino e indirizzarsi soprattutto al target adulto, visto che fra quello più giovane questi prodotti sono già abbastanza diffusi.

(Da www.italiaatavola.net)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.