News

Gennaio – ottobre 2010: buono l'export dei prodotti lattiero caseari.

Che all’estero formaggi come il Parmigiano o la Mozzarella riscuotessero un ottimo successo, era già cosa nota. Ora la buona notizia è che, anche quest’anno, si conferma il buon andamento delle vendite all’estero dei nostri prodotti lattiero-caseari. Scopriamo nel dettaglio i dati!

Partiamo innanzitutto dalla situazione specifica riguardante i formaggi. I dati si riferiscono ai primi 10 mesi del 2010 e riguardano tutti le nostre specialità, ad eccezione solamente del Pecorino Romano e Fiore Sardo (-8% sul 2009) e della Fontina (-11%).

Prendendo in esame i dati quantitativi relativi ai singoli prodotti rileviamo i i seguenti aumenti percentuali: Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+10%), Mozzarella e altri freschi (+9%), Crescenza, Robiola e molli (+22%), Provolone (+12%), Asiago, Caciocavallo, Montasio e Ragusano (+29%), Italico e Taleggio (+5%) e Gorgonzola (+5%).

Altrettanto buone le performance anche da un altro punto di vista, ovvero se prendiamo in esame i dati in valore delle nostre esportazioni. Da rilevare il + 33% di Asiago, Caciocavallo, Montasio e Ragusano, il +30% di Crescenza, Robiola e degli altri molli, il +25% del Grana Padano e Parmigiano Reggiano, il +10% della mozzarella e degli altri freschi, il +12% del Provolone, il +7% di Italico e Taleggio e il +3% del Gorgonzola.

Passiamo ora agli altri latticini: sempre dati Istat relativi ai primi 10 mesi del 2010 ci danno un quadro positivo. In aumento infatti lo yogurt sia naturale che ai gusti nonché il latte sfuso (+35%) e il burro sfuso (+425%). Trend al rialzo rispetto al 2009 anche l’export di burro confezionato (+48%).
Concludiamo fornendo in generale i dati riguardanti il saldo import/export del periodo in esame: il bilancio registrato è buono, in quanto il valore delle nostre esportazioni supera di 110 milioni di Euro quello delle importazioni.  Un settore dunque in crescita, dove si spera che, nei mesi a venire, il trend si confermi portando ricchezza a tutti gli operatori del settore.

(Da www.assolatte.it)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.