Articoli

Pronto un decreto per incentivare l’innovazione dell’Agro-alimentare

Il Ministro dello Sviluppo Economico ha firmato il decreto con il quale verranno stanziati 38 milioni di euro in favore dello sviluppo del settore Agro-industriale.

Le imprese del settore beneficeranno di 11 contratti di programma presentati da 11 relativi consorzi industriali, che si avvarranno della collaborazione di circa 100 imprese Agro-industriali, le quali complessivamente porteranno all’investimento di una cifra che dovrebbe sfiorare il tetto totale dei 900 milioni di euro.
L’intervento da parte del Ministero diretto da Scajola è volto a rafforzare finalmente con adeguate misure il Made in Italy, per il quale a tratti si teme a tal punto la sopraggiunta debolezza da gridare all’estinzione. Inoltre, si mira in questo momento di crisi, dati alla mano, a promuovere l’innovazione nell’Agro-Industria italiana, operazione che altrove pare abbia storicamente dato buoni frutti.

A quanto ha fatto sapere per ora il Ministero dello Sviluppo economico, si cercherà anche di contribuire al sostegno dei cosiddetti interventi anti-ciclici, interventi che se ben mirati, sarebbero in grado periodicamente di creare nuova occupazione, soprattutto di carattere qualificato.

Il decreto è già stato registrato dalla Corte dei Conti, e riguarda al momento le Regioni Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna e Campania. Le imprese dell’Agro-alimentare con sede in queste Regioni sono quindi incentivate a rivedere e riformulare i propri programmi di investimento. Le agevolazioni di cui eventualmente ogni impresa stia già fruendo sono cumulabili con quanto previsto dal nuovo decreto ministeriale.

 

da NewNotizie.it del 09.03.2010

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.