News

Il Pampepato di Ferrara diventa Igp. L’Italia sale a 278 Dop, Igp e Stg

Il dolce simbolo di Ferrara – il Pampepato – è ufficialmente un prodotto Igp riconosciuto e tutelato dall’Unione Europea. Con questo riconoscimento salgono a 278 le Dop, Igp e Stg italiane, consolidando la leadership del nostro Paese per numero di prodotti alimentari di pregio garantiti a livello comunitario contro falsi e e imitazioni.

Si chiama “Pampepato di Ferrara” o “Pampapato di Ferrara”, ed è il dolce ferrarese per eccellenza. È un prodotto da forno dal tipico sapore di cioccolato e spezie, che si prepara con farina, frutta candita, mandorle, zucchero, cacao, cioccolato fondente, noce moscata e cannella. Le origini del dolce – che vengono dettagliatamente illustrate nel Disciplinare di Produzione – risalgono al XVI secolo, quando le monache di clausura del Corpus Domini di Ferrara iniziarono a preparare un pane speziato da inviare come omaggio agli alti prelati in occasione delle festività natalizie. Allora non c’era ancora in Europa il cioccolato: è nel 1902 che un pasticcere di Ferrara perfeziona il dolce ricoprendolo di cioccolato fondente, imitato poi da tutti i fornai e i laboratori dolciari della città. La forma del dolce – a “calotta” – è ispirata alla papalina, il classico copricapo cardinalizio, e indica la fortuna che il dolce aveva fin dal ‘700 presso nobili e alti prelati.

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Regolamento (Ue) n. 2267/2015 il Pampepato di Ferrara è ufficialmente un prodotto Igp, con zona di produzione coincidente con l’intera Provincia di Ferrara. Salgono così a 278 le Dop, Igp e Stg italiane (qui l’elenco completo continuamente aggiornato), su un totale di circa 1300 riconoscimenti Ue: in pratica oltre il 20% dei prodotti alimentari di pregio dell’Unione Europea sono italiani, e nel 2015 – oltre al Pampepato di Ferrara – l’Italia ha già avuto tra gli altri i riconoscimenti della Patata Rossa di Colfiorito Igp e della Finocchiona Igp. Tra le regioni italiani spicca per numero di riconoscimenti proprio l’Emilia Romagna, patria del Pampepato, che ha ben 42 Dop e Igp, le più celebri delle quali sono il Parmigiano Reggiano Dop, il Prosciutto di Parma Dop, l’Aceto Balsamico Igp e la Mortadella Bologna Igp.

Ricordiamo la differenza tra Dop, Igp e Stg. Dop, Igp e Stg sono marchi attribuiti dall’Unione Europea a prodotti alimentari tipici e di particolare pregio, previo il rispetto – per ogni prodotto – di un determinato disciplinare di produzione. Dop (Denominazione di origine protetta) è il riconoscimento con i criteri più “severi”, e viene attribuito a prodotti alimentari con caratteristiche legate a uno specifico e limitato territorio di produzione (clima, ambiente, tecniche di produzione tradizionali). Igp (Indicazione geografica protetta) è una dicitura con criteri meno stringenti rispetto a Dop (si parla di una sola determinata qualità o caratteristica del prodotto che deve essere legata a una determinata area geografica, e il legame con l’area geografica può avvenire anche in un una sola fase del processo produttivo, produzione o trasformazione o elaborazione, purché la fase in questione sia decisiva per la qualità di pregio che rende Igp il prodotto). Stg (Specialità tradizionale garantita) è un marchio che ha criteri ancora meno stringenti dell’Igp (tutela prodotti alimentari con specificità legate a un metodo di produzione tradizionale, ma che non devono necessariamente avere un legame con una determinata area di produzione).

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.