EXPO 2015

Expo. I primi dati sugli alberghi di Milano

Negli alberghi milanesi l’effetto Expo sicuramente c’è stato, con numeri in crescita anche se al di sotto delle aspettative, che probabilmente erano eccessive.

I conti veri su Expo si faranno a novembre, ma già da qualche settimana si fa strada una considerazione: la manifestazione sta facendo registrare numeri importanti ma inferiori alle attese, che con ogni probabilità erano troppo ottimistiche. Sicuramente è così per il numero di ingressi, che nei primi due mesi avrebbero dovuto essere oltre 7 milioni  e mezzo mentre si sono fermati a poco più di 6 milioni, e gli stessi dati ufficiali sono probabilmente gonfiati rispetto ai dati reali. Inoltre alcune scelte discutibili – come l’apertura serale eccessivamente posticipata che sta danneggiando i ristoranti milanesi – non hanno aiutato a portare indotto sul territorio.

 

Un quadro simile emerge anche a proposito della ricettività e degli alberghi. Mancano ovviamente ancora i dati ufficiali, ma da un sondaggio Hrs (sugli hotel dalle tre stelle in su) diffuso il 30 luglio emerge un quadro piuttosto chiaro: nei primi tre mesi di Expo il 77% degli alberghi di Milano e hinterland ha avuto un tasso di occupazione delle camere superiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e ha aumentato il prezzo delle camere in media del 24%, portando Milano al settimo posto in Europa e al secondo posto in Italia nella classifica delle città con gli hotel più costosi. Nell’81% dei casi chi ha pernottato a Milano a maggio, giugno e luglio lo ha fatto per turismo, e nel 59% dei casi è arrivato da altri Paesi europei ed è rimasto in hotel in media 1,92 notti, in pratica il tempo per visitare Expo. Tuttavia il 68% degli albergatori milanesi ritiene l’indotto di Expo a beneficio degli hotel inferiore alle aspettative, che probabilmente erano eccessive. Il 53% degli albergatori milanesi attende comunque un ulteriore incremento per settembre e ottobre, e il 19% si aspetta un aumento già a partire dal mese di agosto.

 

Secondo Fulvio Origo, marketing director di Hrs Italia, “dopo un inizio non in linea con le aspettative degli albergatori, Expo ha iniziato a decollare, tanto sul mercato turistico italiano che su quello internazionale e in particolare sul segmento leisure europeo. Interessanti sono le prospettive positive a partire da agosto che rileviamo da parte degli hotel, tendenze che dovranno essere tenute in considerazione dai viaggiatori vacanzieri e d’affari intenzionati a pianificare pernottamenti nei prossimi mesi”.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.