Articoli

Il torrone di Bagnara diventa Igp. Salgono a 264 le Dop, Igp e Stg italiane

Torrone di Bagnara Igp

Si è concluso l’iter di riconoscimento dell’Indicazione Geografica Protetta per il Torrone di Bagnara, che è ufficialmente un prodotto Igp a partire dal 14 agosto 2014, ed è il primo torrone italiano a ottenere questo riconoscimento.

 

 

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea serie L 242 del 14 agosto 2014 entra in vigore il Regolamento di esecuzione (Ue) n. 882/2014 della Commissione Ue del 31 luglio 2014 che iscrive il Torrone di Bagnara nel registro europeo delle Dop, Igp e Stg. Il Disciplinare di produzione della Igp Torrone di Bagnara precisa che: Torrone di Bagnara Igp è esclusivamente il torrone prodotto nel comune di Bagnara Calabra (in provincia di Reggio Calabria), ottenuto dalla cottura e lavorazione di miele, zucchero e mandorle non pelate tostate, cannella e chiodi di garofano in polvere e con la copertura di zucchero in grani (versione “Martiniana”) o cacao amaro (versione “Torrefatto glassato”), con peso compreso tra 14 e 35 grammi, lunghezza tra 4 e 12 cm., larghezza tra 1,5 e 2,5 cm., altezza tra 1,5 e 2,5 cm. Salgono così a 264 i prodotti alimentari italiani iscritti nel registro Ue come Dop, Igp e Stg (qui l’elenco completo, in continuo aggiornamento), e l’Italia si conferma il Paese leader mondiale per numero di prodotti alimentari di pregio certificati con riconoscimento dell’Unione Europea.

 

Che cosa significano le sigle Dop, Igp e Stg? Dop, Igp e Stg sono marchi attribuiti dall’Unione Europea a prodotti alimentari tipici e di particolare pregio, previo il rispetto – per ogni prodotto – di un determinato disciplinare di produzione (Dop, Igp e Stg dal 2009 servono per classificare, oltre agli alimenti, anche i vini: Igp sono gli ex Igt e Dop sono gli ex Doc e Docg). Dop (Denominazione di origine protetta) è il riconoscimento con i criteri più “severi”, e viene attribuito a prodotti alimentari con caratteristiche legate a uno specifico e limitato territorio di produzione (clima, ambiente, tecniche di produzione tradizionali). Igp (Indicazione geografica protetta) è una dicitura con criteri meno stringenti rispetto a Dop (si parla di una sola determinata qualità o caratteristica del prodotto che deve essere legata a una determinata area geografica, e il legame con l’area geografica può avvenire anche in un una sola fase del processo produttivo, produzione o trasformazione o elaborazione, purché la fase in questione sia decisiva per la qualità di pregio che rende Igp il prodotto). Stg (Specialità tradizionale garantita) è un marchio che ha criteri ancora meno stringenti dell’Igp (tutela prodotti alimentari con specificità legate a un metodo di produzione tradizionale, ma che non devono necessariamente avere un legame con una determinata area di produzione).

 

(Luigi Torriani)

 

One comment

  1. 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.