Articoli

Frena l'inflazione. In calo i prezzi alimentari

scende prezzo alimentari deflazione 2013

Il 2012 aveva registrato un aumento da record del carrello della spesa, con numeri superiori al dato medio nazionale sull’inflazione, e nel 2013 è proseguito il rialzo dei prezzi. Ma ad agosto è arrivata una frenata dell’inflazione nel settore agroalimentare, con un calo dei prezzi degli alimentari non lavorati, in particolare frutta e verdura.

 

In agosto (dati Istat) i prezzi al consumo in Italia sono aumentati, complessivamente, dello 0,3% rispetto al mese precedente (luglio 2013) e dell’1,1% su base annua (cioè rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, ovvero agosto 2012; a luglio la dinamica su base annua era a +1,2%). Ma il settore agroalimentare, in controtendenza, segna una diminuzione dei prezzi rispetto a luglio, dovuta al calo dei prezzi di frutta e verdura. Nel complesso i prezzi degli alimentari in Italia sono scesi ad agosto dello 0,1%. Nel dettaglio: vegetali freschi -6,5%, frutta fresca -2,1%, pesce fresco di mare +0,6%, carne suina +0,3%, latte fresco +0,2%, vini +0,4%, burro +0,7%. E in extremis per fortuna è arrivato il rinvio dell’aumento Iva che era previsto per il primo di luglio.

Perché questa frenata dell’inflazione? Spiega la Coldiretti: “il calo dell’inflazione per i prodotti alimentari è dovuto non soltanto alla riduzione delle quantità acquistate, ma anche al diverso modo di fare la spesa degli italiani. Si evidenziano gli effetti di una crisi che ha costretto 7 italiani su dieci a tagliare le spese per l’alimentazione con uno storico calo del 4 per cento negli acquisti di prodotti alimentari da parte delle famiglie nel primo semestre dell’anno. Si riscontra in maniera generalizzata,un calo della spesa superiore a quello dei volumi acquistati, che fa pensare ad un orientamento delle famiglie verso prodotti in promozione o di prezzo inferiore. A cambiare è quindi purtroppo anche il livello qualitativo degli alimenti acquistati, con un aumento della presenza di prodotti low cost che non sempre offrono le stesse garanzie di sicurezza alimentare”.

(Luigi Torriani)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.