Articoli

I migliori salami italiani. La finale del campionato 2012

Quali sono i migliori salami italiani? Presso il ristorante Passone di Montevecchia (Lecco) si è svolta il 25 giugno 2012 la finale della settima edizione del Campionato italiano del Salame naturale. Vediamo quali sono i salami premiati.

 

I due prodotti di punta del Made in Italy agroalimentare sono, da sempre, i vini e i formaggi. Ma non solo. Mentre i formaggi italiani volano a +15% in valore nell’export e i vini italiani segnano esportazioni da record, crescono anche i salumi, con un +6,8% di export per il 2011. E la crescita continua, nonostante le misure protezionistiche adottate dall’Argentina contro i salumi italiani (solo nel 2011 l’Italia aveva esportato in Argentina 264 tonnellate di salumi italiani…) e nonostante il caso clamoroso del Prosciutto di Parma in Canada. Ma quali sono i migliori salumi italiani?

 

Oltre – appunto – al classico Prosciutto di Parma, che è il salume italiano più famoso (e più imitato) al mondo, un vanto dell’agroalimentare tricolore sono i salami. Nella finale di Montevecchia, alla settima edizione del Campionato italiano del Salame, erano ammessi esclusivamente “salami naturali”, cioè salumi crudi composti di carne magra e grassa macinata o tagliata a coltello e insaccata in budello o vescica, con l’esclusione assoluta di additivi chimici (in particolare il nitrito di sodio) e di derivati del latte e/o zuccheri. Salami quindi riconducibili alle tradizioni del territorio, e non industriali.

 

In gara c’erano ventotto salami, provenienti da tredici diverse regioni italiane, che sono stati preliminarmente individuati in cinque semifinali territoriali tra oltre cento candidature (già precedentemente selezionate). Questi i salami vincitori:

 

Primo posto: Finocchiona di Cinta Senese della fattoria Il Praticino di Castelfranco di Sopra (Ar)

 

Secondo posto: Ventricina di Guilmi dell’azienda agricola La Noce di Montazzoli (Ch)

 

Terzo posto: Salsiccia rossa dolce del Consorzio del suino neri di Calabria

 

Premio PIC salume piccante: Ventricina di Guilmi dell’azienda agricola La Noce di Montazzoli (Ch)

 

Premio Soppressata del sud: Soppressata di suino nero di Calabria dell’azienda agricola Romano di Acri (Cs)

 

Premio Ascom Sopressa: Sopressa all’Amarone della macelleria Caprini di Negrar (Vr)

 

Premio salame dolce e magro del nord: Il Baganzola di suino nero di Parma dell’azienda Casa Schizzati di Sala Baganza (Pr)

 

Premio quinto quarto: Composta di salsiccia di fegato sotto strutto della Antonelli salumi di Castel del Giudice (Is)

 

Premio salame affumicato: Mortandela affumicata della Val di Non dell’azienda Dal Massimo Goloso di Coredo (Tn)

 

Premio non solo suino: Salamino di pecora dell’azienda Dalla Valle di Altissimo (Vi)

(Luigi Torriani)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.