Articoli

Capodanno low cost. Si sente la crisi

 

 

Chi non spende a Capodanno non spende tutto l’anno? Sperando di scongiurare la minaccia, nel frattempo i dati Confesercenti-Swg disegnano un Capodanno decisamente in crisi. Con l’86% degli italiani che restano a casa (record degli ultimi 5 anni), un calo del 12% della spesa media (punto più basso dal 2003) e con le prenotazioni alberghiere che scendono del 23%. Malissimo anche i ristoranti, scelti per il Veglione dal 7% degli italiani nel 2010, dal 2% nel 2011.

 

 

Già le ottimistiche previsioni per il Natale sono andate in parte deluse. A parte il panettone, che resiste come il classico natalizio per eccellenza sulle tavole degli italiani, e il boom dei cesti con prodotti enogastronomici da regalare a parenti e amici. Per il resto il settore alimentare – secondo il Codacons – registra una flessione del 18% rispetto all’anno scorso e tocca il punto più basso dal 2000, con un budget per i festeggiamenti del Cenone che scende di 48 euro a famiglia. Con il crollo di caviale, ostriche, salmone e champagne, e con la comparsa sempre più frequente nel menù natalizio di cibi poveri come il bollito e le pizze rustiche. Totale 2,3 miliardi di euro per cibo e bevande (850 milioni di euro per il pesce e le carni compresi i salumi, 490 milioni di euro per spumante, vino e altre bevande, 400 milioni di euro per i dolci, 270 milioni di euro per ortaggi, conserve, frutta fresca e secca, e 190 milioni di euro per formaggi e uova). Dal punto di vista economico il peggior Natale degli ultimi dieci anni. Con la beffa oltre al danno, dato che secondo il Codacons – nonostante la contrazione dei consumi – non sono diminuiti gli sprechi, vera grande piaga della filiera agroalimentare italiana. Si parla di circa un quarto delle portate preparate per la vigilia e per il pranzo di Natale, per un valore di oltre mezzo miliardo, che è finito nella spazzatura (soprattutto i prodotti già cucinati e quelli particolarmente deperibili come frutta, verdura, pane, pasta, latticini e affettati).

 

 

Non va meglio a Capodanno, con alcuni dati di Confesercenti-Swg che sono particolarmente emblematici. Prima di tutto l’86% degli italiani rimane a casa (3 milioni in più rispetto al 2010, +7%), dato che è il più alto degli ultimi cinque anni e che segna il punto più basso da quando è iniziata la crisi nel 2007 (allora rimasero a casa l’83% degli italiani, il 4% in meno rispetto al Capodanno 2011-2012). La spesa complessiva per i festeggiamenti (2,4 miliardi) scende rispetto al 2010 di 328 milioni, con una spesa media per persona – dato mai così basso dal 2003 – di 92 euro (meno 21 euro rispetto al 2010), e con 6 italiani su 10 che spenderanno meno di 75 euro a testa. La flessione negli alberghi è tra il 23 e il 28%, mentre crollano gli italiani che scelgono di cenare al ristorante (nel 2010 erano il 7%, quest’anno sono il 2%). Pessimo anche il Capodanno delle discoteche, che perdono in affluenza scendendo dal 2% all’1%. Si riduce inoltre la percentuale di italiani che va in vacanza (intendendo con vacanza “almeno un pernottamento fuori casa”) tra il 22 dicembre 2011 e il 6 gennaio 2012. L’anno scorso erano il 21%, ora sono il 17%. Oltretutto cala (dal 5% al 4%) la quota degli italiani che andranno in vacanza in Italia, mentre raddoppia (dall’1% al 2%) la pecentuale di italiani che sceglie destinazioni estere europee, ormai spesso meno costose delle località italiane, viaggio compreso. Rimangono infine sostanzialmente stabili (attorno al 4%) gli italiani che sono in tale difficoltà economica da scegliere di non festeggiare in alcun modo il Capodanno.

 

(Luigi Torriani)

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.