Articoli

Pomodoro Pachino in mano alla mafia? Polemiche

La produzione del pomodoro Pachino sarebbe in mano alla mafia? In seguito all’accusa e alla proposta di boicottaggio divampa la polemica.

Tutto è nato nei giorni scorsi dalle dichiarazioni del presentatore Alessandro Di Pietro che, durante la trasmissione televisiva RAI “Bontà loro” ha chiesto il boicottaggio del “ciliegino” di Pachino in quanto la produzione sarebbe “in odore di mafia”.

Il conduttore dalla parte dei consumatori ha detto piatto: «La filiera del pomodoro di Pachino è in mano alla mafia, va boicottato». Parlava dei pomodorini rossi e dolci della provincia di Siracusa, sui quali il procuratore antimafia Pietro Grasso così si era espresso in passato: «Quel tipo di prodotto viene trasportato dal sud della Sicilia al mercato di Fondi, a Latina, per essere confezionato e poi trasferito nuovamente in Sicilia per la distribuzione nei grandi magazzini». Il mercato di Fondi è al centro di diverse investigazioni antimafia e i passaggi forzati, è stato ricordato in trasmissione, farebbero lievitare i costi al consumo fino a 11 volte il prezzo alla produzione (50 centesimi in media).

Immediate le reazioni indignate. I rappresentanti del Pdl, segnatamente il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, e il leader del FdS, il sottosegretario Gianfranco Micciché hanno tuonato contro il giornalista. Micciché parla di «proposta raccapricciante», mentre il mondo agricolo è in subbuglio. L’assessore regionale alle Risorse agricole ed alimentari, Elio D’Antrassi, dice che «è falso e privo di fondamento dire che il pomodorino sia in mano alla mafia».

Il ministro per le Politiche agricole, Giancarlo Galan, ha aggiunto: «Simili iniziative, ammessa una loro qualche utilità, sono accettabili solo quando l’allarme viene dato dalle istituzioni pubbliche preposte alla lotta contro la criminalità organizzata»

Sulla questione è infine intervenuto il consorzio di tutela del pomodoro Pachino Igp che in un comunicato fornisce una serie di puntualizzazioni e rettifiche che contestano alla radice l’accomunare il Pachino con la mafia.
Rilevando una serie di inesattezze del conduttore; Pachino non è in provincia di Ragusa (ma di Siracusa), il pomodoro Pachino (quello certificato) non viene prodotto a Vittoria, e soprattutto contestano l’affermazione che «il pomodoro Pachino è quel tipo di pomodoro a grappolo che viene prodotto in tante parti d’Italia».
D’altronde il consorzio è impegnato da anni nella battaglia contro i prodotti, diciamo così, contraffatti. Vero che la denominazione “Pachino” è stata usurpata da grandi quantitativi di prodotti immessi sul mercato.

(Da www.italiaatavola.net)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.