News

Prezzi agricoli maggio

Nel mese di maggio 2010 l’indice Ismea dei prezzi alla produzione delle commodity agricole calcolato in base 2000=100, è stato pari a 107 in lieve diminuzione rispetto al mese precedente (-0,3%) e sostanzialmente invariato rispetto a maggio 2009.

Su base mensile l’Ismea rileva un aumentodell’1,2% per il totale delle coltivazioni, mentre il comparto zootecnico perde l’1,8%. Viceversa il confronto con maggio 2009 evidenzia una flessione dell’indice relativo alle coltivazioni (-2,4%) a fronte di un recupero di quello dello zootecnico (+2,2%).

Nella categoria delle coltivazioni sono in aumento a livello congiunturale i prezzi degli ortaggi e legumi ( +2,9%), delle colture industriali (+2,6%), dei cereali (+2%) e, in misura lieve, anche dei vini (+0,5%). Stabile l’indice per i tabacchi e gli oli, mentre la frutta fresca e secca registra una variazione negativa (-3,8%).

Il confronto con lo stesso mese dell’anno precedente rivela variazioni al rialzo per gli ortaggi e legumi (+7%), per i tabacchi (+5,7%) e per l’olio d’oliva che recupera il 12,3%, anche se va ricordato che proprio a maggio 2009 l’indice deiprezzi dell’olio di oliva aveva toccato il livello più basso degli ultimi anni.

Risultano, invece, in flessione  i cereali (-12,3%) , la frutta fresca e secca (-9,1%), le colture industriali (-8,4%) e ancora una volta i vini (-2%), la cui tendenza flessiva dei prezzi all’origine è stato il leitmotiv degli ultimi 18 mesi, con l’indice attestato sotto quota 100 da ottobre 2008.

Passando al comparto zootecnico, l’indice di maggio risulta in flessione rispetto al mese precedente per quasi la totalità delle categorie. Nel dettaglio i ribassi maggiori hanno interessato i  conigli (-15,2%), le uova (-7%), i volatili domestici ( -5,1%)  gli ovi-caprini (-3,8%), i suini (-1,8%) e i bovini e bufalini (-1,7%).

In controtendenza l’indice per latte e derivati (+0,9%) che prosegue il trend positivo iniziato a ottobre 2009, grazie in particolare all’ ininterrotta crescita delle quotazioni del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano. Il latte e derivati registra una variazione positiva (+9,8%) anche nel confronto tendenziale accanto alle uova (+5,2%) e ai suini (+3,7%).

Risultano invece in flessione rispetto a maggio 2009 i prezzi all’origine dei conigli (-18,8%), dei volatili domestici (-14,6%), dei bovini e bufalini (-2,1%) e degli ovi-caprini (-1,2%).

 

da Ismea.it

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.