Articoli

Coldiretti, Antitrust tuteli PMI da monopoli ipermercati

Una difesa nei confronti dei nuovi poteri forti dell’agroalimentare dove poche grandi piattaforme commerciali di acquisto trattano sul mercato in abuso di posizione dominante e con prevaricazione delle centinaia di migliaia di imprese agricole che non hanno nessun potere contrattuale e sono costrette a subire formule vessatorie che mettono a rischio le condizioni di competitività della produzione Made in Italy.

E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare la richiesta avanzata dal Garante per la concorrenza, Antonio Catricalà, nella relazione annuale di ampliare il raggio di intervento dell’Antitrust in favore delle piccole e medie imprese, ”esposte alle stesse scorrettezze che colpiscono i consumatori”.

Per ogni euro speso dai consumatori per l’acquisto di alimenti – sottolinea la Coldiretti – oltre la metà (il 60 per cento) va alla distribuzione commerciali, il 23 per cento all’industria di trasformazione e solo il 17 per cento per remunerare il prodotto agricolo.

In altre parole – precisa la Coldiretti – il prezzo di un prodotto aumenta piu’ di cinque volte dal campo alla tavola per colpa delle distorsioni e delle speculazioni lungo la filiera di cui la distribuzione commerciale è certamente in parte responsabile nei confronti dei consumatori e dei produttori agricoli.

La grande distribuzione commerciale – denuncia la Coldiretti – sfrutta il suo potere di mercato nei confronti degli agricoltori attraverso compensi inadeguati, termini di pagamento eccessivi, vendite sottocosto a carico dei fornitori, contributi ingiustificati alle spese pubblicitarie e insistenza sulla fornitura esclusiva.

Una situazione che non consente in molti casi agli agricoltori di coprire i costi di produzione ed è quindi necessario secondo Coldiretti un intervento nei confronti di un comportamento commerciale lesivo della concorrenza lungo la catena di approvvigionamento alimentare.

Occorre intervenire – sottolinea la Coldiretti – per cambiare le regole del gioco a cominciare dalle due grandi ingiustizie di cui è vittima il settore agricolo: da una parte il furto di identità e di immagine che vede sfacciatamente immesso in commercio come italiano cibo proveniente da chissà quale parte del mondo in forma ingannevole per i consumatori e dall’altra parte, il furto di valore che vede sottopagati i nostri prodotti agricoli a causa di uno strapotere contrattuale da parte dei nuovi forti della filiera agroalimentare.

Gli inganni del finto Made in Italy sugli scaffali riguardano – riferisce la Coldiretti – due prosciutti su tre venduti come italiani, ma provenienti da maiali allevati all’estero, ma anche tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro che sono stranieri senza indicazione in etichetta, oltre un terzo della pasta ottenuta da grano che non è stato coltivato in Italia all’insaputa dei consumatori, e la metà delle mozzarelle non a denominazione di origine che sono fatte con latte o addirittura cagliate straniere.

Garantire una maggiore presenza di prodotti veramente italiani non è solo un contributo alla libertà di scelta dei consumatori ma – sottolinea la Coldiretti – rappresenta anche un contributo all’integrazione delle aree commerciali con il tessuto economico, produttivo e culturale.

Le inefficienze della grande distribuzione si rivelano anche nella perdita di valore lungo la filiera di prodotti simbolo del Made in Italy come la frutta e verdura per la quale secondo l’ultima indagine dell’antitrust i prezzi al consumo attualmente praticati dalla GDO nel comparto ortofrutticolo” “non sono inferiori a quelli praticati dalle altre tipologie di vendita e, in particolare, risultano sensibilmente superiori a quelli praticati dai mercati rionali e dagli ambulanti”.

“Le analisi effettuate hanno infatti mostrato come la distribuzione moderna, nel settore ortofrutticolo, non riesca in maniera estesa ad organizzare la propria attività minimizzando i passaggi intermedi: il ricorso all’acquisto diretto dal produttore riguarda infatti soltanto il 23 per cento circa dei casi rilevati dalla Guardia di Finanza”, secondo l’indagine conoscitiva dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

Allo strapotere contrattuale dei nuovi forti dell’agroalimentare la Coldiretti è impegnata a reagire con il progetto operativo per una “Filiera agricola tutta italiana” che ha come obiettivo di sostenere il reddito degli agricoltori eliminando le distorsioni e tagliando le intermediazioni con l’offerta attraverso la rete di consorzi agrari, cooperative, farmers market, agriturismi e imprese agricole di prodotti alimentari al cento per cento italiani firmati dagli agricoltori al giusto prezzo.

 

da Repubblica.it

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.