Food

Bar e ristoranti. Quante aperture e quante chiusure in Italia negli ultimi cinque anni?

Nell’ultimo lustro sono aumentati del 10% i bar e ristoranti in Italia, ma tra i nuovi esercizi tre su quattro non arrivano ai cinque anni e la metà chiude dopo meno di tre anni.

I dati sono stati diffusi da Unioncamere a gennaio 2017 e presentano un confronto tra il numero di bar e ristoranti in Italia al 31 dicembre 2011 e il numero di bar e ristoranti al 31 dicembre 2015. Alla fine del 2015 nel Registro delle imprese italiane risultano 366.569 bar e ristoranti (170.173 bar e 196.396 ristoranti), in crescita di 31.244 unità rispetto alla fine del 2011. Negli ultimi cinque anni i bar e ristoranti in Italia hanno avuto dunque complessivamente un aumento vicino al 10% (+9,3%). La crescita più significativa è quella dei ristoranti (+11%, essendo 176.898 a fine 2011 e 196.396 a fine 2015), mentre i bar crescono numericamente del 7,4% (erano 158.427 nel 2011, sono diventati 170.173 a fine 2015). Ma è altissima anche la mortalità: tra i bar e ristoranti che hanno aperto cinque anni fa il 75% ha già chiuso e il 45% ha chiuso i battenti entro i tre anni di vita. Continue nuove aperture rendono il saldo positivo (+31.000 bar e ristoranti – come si è detto – negli ultimi cinque anni), ma chi apre spesso dura poco.

La regione con il maggior numero di attività è la Lombardia, che al 31 dicembre 2015 risulta avere 29.285 ristoranti e 27.679 bar, per un totale di 56.964 imprese del settore. Guardando ai trend nel confronto 2011-2015, la regione con la migliore percentuale di crescita considerando nel complesso bar e ristoranti è la Sicilia (+14,6%), seguita dalla Campania (+13,7%) e dall’Umbria (+12,3%). Le regioni “peggiori” sono invece la Basilicata (+4,3%), il Trentino Alto Adige (+4,3%) e la Valle d’Aosta (+2,2%). Guardando soltanto ai ristoranti nel confronto 2011-2015 escono “vincitrici” Sicilia (+15,6%), Lombardia (+15,3%) e Lazio (+13%), mentre in fondo alla classifica troviamo Trentino Alto Adige (+5,9%), Basilicata (+4,4%) e Valle d’Aosta (-2,1%). Guardando soltanto ai bar vediamo in cima alla classifica Campania (+15%), Sicilia (+13,1%) e Umbria (+12,6%), e in fondo alla classifica Liguria (+3,6%), Trentino Alto Adige (+2,6%) e Piemonte (+1,6%

Totale attività di ristorazione e bar ed esercizi senza cucina

Distribuzione regionale delle imprese al 31.12.2015 e confronto con il 2011

Ordinamento per variazione %

Regione

Imprese registrate al 31.12.2015

Imprese registrate al 31.12.2011

Differenza

Variazione %

SICILIA

22.007

19.208

2.799

14,6%

CAMPANIA

32.899

28.939

3.960

13,7%

UMBRIA

5.462

4.865

597

12,3%

LAZIO

40.355

36.325

4.030

11,1%

PUGLIA

20.442

18.520

1.922

10,4%

TOSCANA

25.631

23.265

2.366

10,2%

LOMBARDIA

56.964

51.706

5.258

10,2%

ABRUZZO

9.436

8.617

819

9,5%

CALABRIA

10.914

9.982

932

9,3%

SARDEGNA

11.905

10.913

992

9,1%

MARCHE

9.721

8.980

741

8,3%

EMILIA ROMAGNA

29.004

26.947

2.057

7,6%

MOLISE

2.031

1.891

140

7,4%

FRIULI VENEZIA GIULIA

8.188

7.685

503

6,5%

VENETO

29.640

27.905

1.735

6,2%

LIGURIA

14.216

13.486

730

5,4%

PIEMONTE

27.305

26.048

1.257

4,8%

BASILICATA

2.841

2.724

117

4,3%

TRENTINO ALTO ADIGE

6.411

6.148

263

4,3%

VALLE D’AOSTA

1.197

1.171

26

2,2%

ITALIA

366.569

335.325

31.244

9,3%

Fonte: Unioncamere-Infocamere, Movimprese

Attività di ristorazione

Distribuzione regionale delle imprese al 31.12.2015 e confronto con il 2011

Ordinamento per variazione %

Regione

Imprese registrate al 31.12.2015

Imprese registrate al 31.12.2011

Differenza

Variazione %

SICILIA

13.027

11.266

1.761

15,6%

LOMBARDIA

27.679

24.000

3.679

15,3%

LAZIO

22.430

19.857

2.573

13,0%

TOSCANA

15.008

13.323

1.685

12,6%

CAMPANIA

17.754

15.773

1.981

12,6%

UMBRIA

3.027

2.703

324

12,0%

ABRUZZO

5.361

4.879

482

9,9%

MARCHE

5.731

5.219

512

9,8%

FRIULI VENEZIA GIULIA

4.190

3.833

357

9,3%

PUGLIA

11.395

10.438

957

9,2%

SARDEGNA

6.114

5.607

507

9,0%

VENETO

15.095

13.886

1.209

8,7%

EMILIA ROMAGNA

15.065

13.874

1.191

8,6%

PIEMONTE

14.372

13.315

1.057

7,9%

CALABRIA

6.200

5.768

432

7,5%

LIGURIA

7.519

7.019

500

7,1%

MOLISE

1.101

1.039

62

6,0%

TRENTINO ALTO ADIGE

3.303

3.118

185

5,9%

BASILICATA

1.376

1.318

58

4,4%

VALLE D’AOSTA

649

663

-14

-2,1%

ITALIA

196.396

176.898

19.498

11,0%

Fonte: Unioncamere-Infocamere, Movimprese

Bar ed esercizi senza cucina

Distribuzione regionale delle imprese al 31.12.2015 e confronto con il 2011

Ordinamento per variazione %

Regione

Imprese registrate al 31.12.2015

Imprese registrate al 31.12.2011

Differenza

Variazione %

CAMPANIA

15.145

13.166

1.979

15,0%

SICILIA

8.980

7.942

1.038

13,1%

UMBRIA

2.435

2.162

273

12,6%

PUGLIA

9.047

8.082

965

11,9%

CALABRIA

4.714

4.214

500

11,9%

MOLISE

930

852

78

9,2%

SARDEGNA

5.791

5.306

485

9,1%

ABRUZZO

4.075

3.738

337

9,0%

LAZIO

17.925

16.468

1.457

8,8%

VALLE D’AOSTA

548

508

40

7,9%

TOSCANA

10.623

9.942

681

6,8%

EMILIA ROMAGNA

13.939

13.073

866

6,6%

MARCHE

3.990

3.761

229

6,1%

LOMBARDIA

29.285

27.706

1.579

5,7%

BASILICATA

1.465

1.406

59

4,2%

FRIULI VENEZIA GIULIA

3.998

3.852

146

3,8%

VENETO

14.545

14.019

526

3,8%

LIGURIA

6.697

6.467

230

3,6%

TRENTINO ALTO ADIGE

3.108

3.030

78

2,6%

PIEMONTE

12.933

12.733

200

1,6%

ITALIA

170.173

158.427

11.746

7,4%

Fonte: Unioncamere-Infocamere, Movimprese

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.