Articoli

Natale: più alimentari sotto l'albero

Ottime notizie per tutti gli operatori del settore alimentare: il Natale si avvicina e un’indagine Cia compiuta sulla base dell’andamento della compravendita nei vari passaggi della filiera agroalimentare e dei dati relativi al commercio estero rivela che gli italiano non sembrano affatto intenzionati a tagliare le spese sui consumi riguardanti cibo e regali “gastronomici”.

Insomma, la crisi potrà far ridurre il numero e il valore dei regali ad amici e parenti ma le persone alla buona tavola non rinunciano: per il cenone del 24 dicembre e per il pranzo del 25 dicembre si spenderanno infatti in alimenti, 3,5 miliardi di euro. Poco più di 230 euro a famiglia e con un aumento dell’1,2 per cento rispetto al 2009. Vincerà ancora una volta la tradizione e le preferenze andranno anche quest’anno per i prodotti alimentari «made in Italy». Non ci saranno, comunque, spese folli: salmone, ostriche, caviale e frutta esotica ancora una volta con il contagocce. E lo spumante anche in questa occasione trionferà sullo champagne.

La spesa alimentare delle feste natalizie sarà comunque così ripartita: carni e insaccati (18,5 per cento del totale), pesce (11,8 per cento), pane e cerali (14,6 per cento), latte, formaggi e uova (13,1 per cento), frutta e ortaggi (15,2 per cento), vini e spumanti (14,2 per cento), dolci (12,6 per cento).

Andranno abbastanza bene – segnala ancora l’indagine della Cia – gli acquisti di dolci (più 1,5 per cento), di frutta, sia fresca che secca, e di verdure (più 1,6 per cento). In picchiata, al contrario, i consumi di frutta esotica (tanto ricercata negli anni passati): ananas, avocado, banana, mango, prodotti che dovrebbero avere una diminuzione superiore al 25 per cento.
In risalita i consumi di pane e pasta (rispettivamente, 0,8 e 1,3 per cento), di carni e insaccati (meno 0,3 per cento). Al palo, invece, le vendite dei formaggi (meno 0,5 per cento). Una buona performance dovrebbe essere registrata dai vini (più1,2 per cento), in particolare quelli rossi.
Secondo l’indagine della Cia, si dovrebbero stappare circa 80 milioni di bottiglie, il 95 per cento di produzione italiana, con una crescita dell’1,2 per cento nei confronti dello scorso anno.
Stesso discorso per gli spumanti che dovrebbero registrare un aumento negli acquisti tra l’1,5 e il 2 per cento.

Per gli acquisti dei prodotti agroalimentari da consumarsi durante le prossime feste natalizie, le oltre 23 milioni di famiglie italiane si rivolgeranno in prevalenza alla grande distribuzione commerciale (56 per cento), seguita dai negozi tradizionali (24 per cento), dai mercatini locali (18 per cento), e da internet (2 per cento).
Molta attenzione da parte degli italiani -annota la Cia- sarà rivolta ai tantissimi mercatini che verranno allestiti dagli agricoltori in questi giorni, in particolare nelle zone rurali, o nelle aziende agricole (si prevede una crescita delle vendite del 5 per cento rispetto allo scorso anno). Oltre all’acquisto prodotti di qualità, tipici e legati al territorio, si può anche risparmiare tra il 10 e il 15 per cento.

(Da www.diariodelweb.it)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.